Sasha Waltz apre la stagione del Balletto del Teatro alla Scala con il suo contemporaneo Roméo et Juliette

C’è grande attesa per l’inaugurazione della stagione di Balletto 2012/2013 del Teatro alla Scala affidata a Sasha Waltz, coreografa tedesca ospite del teatro scaligero per la prima volta. La nuova produzione Roméo et Juliette, costruita sulla Sinfonia Drammatica di Hector Berlioz, è stata inizialmente commissionata alla Waltz nel 2007 dall’Opéra di Parigi. Definito dalla stessa coreografa un’ “opera coreografica”, Roméo et Juliette vedrà coinvolti Ballo, Coro, Orchestra e cantanti, sotto la guida del direttore James Conlon.

La stagione avrà inizio il 19 dicembre, e per le prime recite saranno in scena le étoiles dell’Opéra di Parigi per cui furono creati i ruoli di Roméo et Juliette: Hervé Moreau e Aurélie Dupont. Il 16 dicembre alle 20 si terrà un’anteprima dedicata ai giovani preceduta alle 18 dall’incontro di approfondimento per il ciclo Prima delle prime – Balletto.

Il pubblico scaligero entrerà in un nuovo mondo creativo, in una personalissima riflessione sullo spazio scenico, sull’uso del corpo e della fisicità, in una dimensione musicale del tutto inedita. Sasha Waltz non segue letteralmente la narrazione di Shakespeare, esprime il suo talento coreografico facendo interagire la voce dei cantanti con il movimento dei ballerini. L’allestimento scenico, da lei curato, è il punto di partenza su cui la musica di Berlioz tesse con un linguaggio emozionale una dimensione volutamente atemporale.

“Penso che il pubblico debba lasciarsi trasportare, al di là delle sue aspettative, e entrare in questo lavoro con animo aperto – commenta Sasha Waltz – perché ho cercato di rompere con l’immaginario tradizionale. Quando ho iniziato, il mio primo pensiero è stato cosa potrebbe essere ora, nella nostra società, un conflitto cosi cruciale tra due famiglie, volevo dare forma a questo conflitto cosi profondo, alla sua essenza. Ho cercato di parlarne in modo contemporaneo – cioè attraverso mezzi contemporanei  – e non attraverso forme già utilizzate, quindi il pubblico non  si deve aspettare qualcosa che già conosce ma essere aperto e disponibile a situazioni e forme inaspettate”.

Intervista a Sasha Waltz rilasciata al Teatro alla Scala
(English version)www.youtube.com/watch?v=gUB3nlSajx0

 


Info:
 www.teatroallascala.org/it/stagione/opera-balletto/2012-2013/romeo-et-juliette.html

 

Advertisements

One comment

  1. Pingback: Sasha Waltz alla Scala con Roméo et Juliette « bon vivre

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: