Preljocaj tra quotidiano e letteratura

Preljocaj_oubliIl Ballet Preljocaj continua la sua tournée italiana a Reggio Emilia con Ce que j’appelle oubli in prima italiana. Sabato 9 febbraio al Teatro Valli il coreografo franco-albanese Angelin Preljocaj presenta una coreografia che è al tempo stesso una riflessione politica sulla violenza sociale e una espressione di empatia verso un corpo-vittima.
In questa nuova esperienza il coreografo parte dal testo di Laurent Mauvignier, Ce que j’appelle oubli, un’opera di finzione ispirata a un fatto realmente accaduto in un supermercato di Lyon: un giovane uomo viene picchiato a morte da quattro agenti per aver bevuto sul posto, senza passare dalla cassa, una lattina di birra.
“Si tratta di un’unica frase, una lunga frase interminabile che intreccia il gioco dei corpi e la struttura letteraria in modo radicale – spiega Angelin Preljocaj. Questa materializzazione della carne rende il testo molto sensuale, animato dal corpo e con consistenze molto diverse; il corpo diventa aggressivo, vivo, violento, lascivo, sensuale, malsano, innamorato. Ho pensato che la danza poteva impadronirsi del soggetto mettendo il racconto in prospettiva e manifestando una scrittura coreografica specifica. Ovviamente, bisogna far sentire anche il testo, estremamente radicale, nella sua inesorabilità, nella sua bellezza e nelle sue emozioni.”
Ce que j’appelle oubli è il  terzo ‘saggio letterario’ di Preljocaj: dopo il primo  del 1996, quando commissiona a Pascal Quignard un racconto, L’Anoure, in vista di una sua coesistenza con la danza; e dopo il secondo del 2009, quando dà vita a un progetto completamente diverso ed è lui stesso a gettarsi a corpo perduto dicendo e danzando il testo di Jean Genet, Le funambule.

Sabato 9 febbraio ore 20.30 – Reggio Emilia, Teatro Valli

Venerdì 8 febbraio, dalle 15 alle 17, al Let’s Dance di Reggio Emilia, Masterclass con Fabrizio Clemente, danzatore del Ballet Preljocaj, rivolta a danzatori di livello avanzato.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: