Kledi Kadiu: “la danza in Italia penalizzata dalle divisioni”

klediApprodato in Italia dalla nativa Albania, lanciato come volto televisivo da Amici di Maria De Filippi, Kledi Kadiu alterna impegni sul palcoscenico, passaggi cinematografici e produzioni Tv. E mentre prepara con la squadra di RaiCinque la nuova stagione della trasmissione Progetti di Danza, ha iniziato la tournee di Contemporary Tango, produzione del Balletto di Roma con la coreografia e regia di Milena Zullo. Uno spettacolo che esplora una nuova contaminazione tra il linguaggio contemporaneo e il “minimalismo” dell’incontro tra corpi che parlano di tango.

Kledi come è nato il progetto Contemporary Tango?
Avevo già collaborato con il Balletto di Roma tra il 2007 e il 2010 e quando Milena Zullo ha proposto il mio nome per questo riallestimento ho accettato, dato che sono sempre stato attratto da tutto ciò che ha a che fare con il temperamento. In questo lavoro c’è una grande energia, nelle musiche negli assolo e nei passi a due. Anche se non è uno spettacolo tradizionale di tango.

Niente ocho e mordidas?
La struttura è più contemporanea, anche se ovviamente ci sono alcuni passi base di tango. Quando inizia la musica entri nell’atmosfera, anche se non c’è il ballo tradizionale. È uno spettacolo elegante, per tecnica e teatralità.

Kledi e l’Italia. È ancora una scelta nonostante la scarsa attenzione per la danza?
In effetti è un peccato che la danza, nata in Italia, sia poi diventata grande nelle mani di altri, mentre noi italiani non riusciamo a valorizzare i talenti.

Perché accade questo?
Non è che non viviamo la danza, ma siamo divisi. Questo si respira anche nelle scuole: oggi in Italia fai prima a dire chi non ha una scuola di danza. E tutti si fanno la ‘guerra’, non si pensa a collaborare. Invece la nostra è un’arte che in realtà dovrebbe unire.

Anche per questo i talenti devono emigrare…
Non siamo pronti ad affrontare grandi produzioni e investimenti. E spesso chi è bravo non trova spazio, forse anche perché siamo abituati alla mediocrità. Sembra quasi che l’eccellenza sia difficile.

Quali sono i prossimi progetti?
La tournée dello spettacolo continua in estate e il prossimo anno. Poi stiamo lavorando alla quarta stagione della trasmissione Progetti di Danza e quest’anno andremo più spesso fuori dai confini nazionali. Andremo a raccontare quello che avviene all’estero.

 

di Giambattista Marchetto

Advertisements

2 comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: