Oltre il visibile: XV edizione di Prospettiva Danza Teatro tra laboratori, premi, spettacoli e cinema

PDT 2013Inizia il 14 aprile l’attesa rassegna patavina di Prospettiva Danza Teatro, giunta alla sua XV edizione. Un mese di appuntamenti di qualità – sotto il caratterizzante titolo Oltre il Visibile – che spaziano da spettacoli internazionali, performances, laboratori e stage. Il progetto – fortemente voluto dall’Assessore alla Cultura del Comune di Padova Andrea Colasio – viene promosso e realizzato  in collaborazione con il Circuito Teatrale Regionale Arteven che ne cura l’organizzazione sotto la direzione artistica di Laura Pulin.

Domenica 14 aprile primo appuntamento allo Spazio D. (ore 21 – 21.45 – 22.30). Verrà presentata l’installazione finale del laboratorio di danza e suono diretto da Cesare Ronconi, fondatore con Mariangela Gualtieri dell’apprezzato Teatro Valdoca. Si tratta del risultato del laboratorio STANZE SONORE (dedicato a John Cage) che lo stesso Ronconi condurrà a partire dall’11 aprile con i 18 partecipanti da lui selezionati.

Doppio appuntamanto per martedì 16 aprile. Alle ore 19 Alessia Garbo e Vasco Mirandola saranno i protagonisti di UN GIORNO LA COSA DIVENTERÀ SERIA, performance di teatro e danza che animerà il Caffè della Piazzetta in Via Martino e Solferino. Alle ore 20.45, al Teatro Comunale G. Verdi, apertura di sipario sul primo dei quattro attesi spettacoli in abbonamento.  La compagnia statunitense Bodyvox presenta in prima regionale REVERIE, una creazione fondata sull’armonia e la forza della bellezza. I coreografi, nonché direttori artistici della compagnia, Jamey Hampton e Ashley Roland, hanno ideato questa coreografia in risposta all’orrore dell’11 settembre.

Secondo appuntamento al Teatro Verdi sabato 20 aprile, sempre in prima regionale, con SCATTERED – un’improvvisa pioggia di momenti imprevisti – della compagnia inglese Motionhouse. Eseguita su un grande piano ricurvo che scompare verso il cielo, lo spettacolo utilizza la tecnologia delle proiezioni per creare un mondo straordinario in cui i danzatori si muovono dentro, sopra e attraverso l’immagine.

Spazio ai giovani e ai giovanissimi dal 4 maggio. Dopo il passato successo di adesioni ritorna la nuova proposta di incontro-laboratorio sulla danza di comunità a cura di Franca Zagatti, dal titolo PERSONE CHE DANZANO. Appuntamento alla Scuola della Carità in via San Francesco dove la giornata si svilupperà in una prima parte di presentazione insieme a Eugenia Casini Ropa che dialogherà con Franca Zagatti – autrice del libro Persone che danzano (MPE 2012) – e in una seconda parte laboratoriale condotta da Franca Zagatti e aperta a tutti. Il 5 maggio invece vedrà la premiazione del vincitore del PREMIO Prospettiva Danza Teatro. Giunge infatti alla sua IV edizione il prestigioso Progetto di Residenze Coreografiche che nel 2013 si avvale del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Volto a sostenere la ricerca e promuovere la creatività ed il talento dei giovani coreografi italiani, il Premio offre ai tre progetti selezionati antecedentemente l’opportunità di svolgere una residenza coreografica di 7 giorni. Al termine della residenza una Commissione di cinque membri tra coreografi, direttori artistici e operatori del settore valuta i lavori proposti e decreta il vincitore. Il vincitore presenterà al pubblico la propria creazione, si aggiudicherà il primo premio di 5.000 euro e verrà inserito di diritto nel cartellone della rassegna Prospettiva Danza Teatro 2014.

Ed ecco infatti in programma il 9 maggio al Centro Culturale Altinate San Gaetano la prima regionale dello spettacolo PER NON SVEGLIARE I DRAGHI ADDORMENTATI del trevigiano Marco D’Agostin, vincitore dell’edizione 2012 del Premio Prospettiva Danza Teatro. In scena assieme al giovane artista D’Agostin la danzatrice Francesca Foscarini e la performer Floor Robert. Nato come riflessione sulla perdita di potere e sulla necessità di interrogare continuamente la relazione tra sé e il mondo circostante, questo è un lavoro sul ricordo come azione. È il tentativo di ricostruire la propria immagine e il proprio stare a partire da un punto che risiede dietro e lontano da noi, e verso un punto che non scorgiamo ancora, del quale abbiamo forse paura.

Presenta anche la sezione “Danza e Cinema” in collaborazione con Centro Padovano della Comunicazione Sociale che per l’8 maggio propone la proiezione in digitale del balletto LA SIRENETTA (The little mermaid) coreografia di John Neumeier su musica di Lera Auerbach. Il ruolo della protagonista è affidato a Yuan Yuan Tan, straordinaria prima ballerina cinese del San Francisco Ballet. Neumeier rilegge la favola di Andersen  e idea un set fantastico in cui il mondo marino e quello reale si confrontano regalando talvolta la sensazione di osservare attraverso un magnifico e misterioso acquario.

Ancora giovani coreografi dal 12 al 16 maggio al Ridotto del Teatro Comunale G. Verdi. DIRE FARE BACIARE_Lettera e Testamento: performance di Margherira Pirotto su ideazione e videoinstallazione di Raffaella Rivi in collaborazione con Target Due. Questo lavoro, che trae ispirazione dal gioco infantile, si concretizza in un percorso dislocato in cinque stanze che lo spettatore è invitato ad abitare e vivere.

Sempre domenica 12 maggio, al Teatro Comunale G. Verdi, un gradito e atteso ritorno: Aterballetto – Fondazione Nazionale della danza porta a Padova due coreografie d’eccezione: WORKWITHINWORK  di  William Forsythe composto sui ritmi incalzanti dei Duetti per due violini, vol. 1 (1979-83) di Luciano Berio e ROSSINI CARDS di Mauro Bigonzetti su musica di Gioachino Rossini, creazione astratta e libera da qualsiasi gabbia drammaturgica.

A perfetta conclusione di questa carrellata di grandi artisti il 16 maggio il palcoscenico del Teatro Verdi traboccherà di sensualità e passione grazie allo spettacolo di musica e danza ZOTTO en concierto de TANGO. Sul palco Miguel Angel Zotto, stella indiscussa e carismatico interprete delle diverse sfumature di questo ballo sensuale e poetico, e considerato dai cultori della materia “uno dei tre massimi ballerini di tango del secolo”.  Il grande danzatore argentino sarà a Padova non solo in qualità di interprete, ma anche di maestro. Il 15 maggio Zotto terrà al Teatro Comunale G. Verdi uno Stage di Tango di livello intermedio e avanzato. Un’occasione unica per gli appassionati che potranno accrescere le proprie conoscenze avvicinandosi ancor più all’essenza del Tango Argentino.

 

Informazioni:   www.prospettivadanzateatro.it
Comune di Padova, Settore Attività Culturali – tel 049 8205611 – www.padovanet.it/padovacultura
Arteven – tel 041 5074711 – cell 339 7898967 – www.arteven.it

Advertisements

One comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: