Operaestate Festival si diffonde tra le città venete per raccontare la nuova realtà

Opera_Estate_2013Resiste ma perde di intensità l’attesa programmazione di Operaestate Festival, giunta alla sua XXXIII edizione. Un festival diffuso che inizia il 30 giugno e coinvolge fino a settembre ben 38 città del Veneto con più di 300 produzioni che spaziano dal teatro all’opera, dalla danza alla musica, al cinema d’autore. Come sempre il festival si conclude con uno sguardo sulla scena contemporanea – B.MOTION secolo mio/mia belva, il festival nel festival (22-25/8) che accoglie un folto gruppo di giovani artisti e compagnie che hanno l’ambizione di raccontare con il linguaggio dei corpi la complessità di questo tempo oscuro.

Per la DANZA la grande COREOGRAFIA D’AUTORE si concentra quest’anno sul Quèbec. In apertura la CIE Virginie Brunelle con Complexe de genre (9/7): prendendo a prestito il vocabolario della danza classica racconta di maschile e femminile in una creazione che sta consacrando la giovane coreografa nell’ambito dell’ammirata danza del suo paese. Tra i grandi invece CIE Marie Chouinard è già riconosciuta. A Bassano presenta in prima nazionale Henri Michaux Mouvements (13/8), dove le parole e le immagini del grande artista belga ispirano l’azione dei danzatori con il rigore e l’eleganza di una delle artiste più ispirate della danza mondiale. Completa il percorso Virgilio Sieni, fra gli autori più acclamati della danza contemporanea italiana e neo-direttore di Biennale Danza, che presenta Suites Bach (25/7) con il pianista Riccardo Cecchetti a descrivere la consapevolezza della densità dello spazio e del pulsare del tempo.

In ARCHITETTURE DEL CORPO prende forma la vocazione a reinventare gli spazi urbani. I primi spazi ad essere coinvolti saranno proprio i centri storici di tre città palcoscenico: Dance Raids occuperà Piazzola sul Brenta (30/7), Bassano (3/7) e Montebelluna (14/7).
Come ogni anno l’avveniristica scenografia delle Bolle Nardini verrà interpretata. A cimentarsi una fra le compagnie spagnole più interessanti di oggi, La Veronal con Siena (11,12,13/7): immersione nella storia dell’arte italiana dal Rinascimento alla contemporaneità.
Altre architetture ad essere vissute in un modo del tutto inedito, la scenografica Villa Da Porto a Montorso (26 e 27/7) con nuove creazioni (Giorgia Nardin/Stian Danielsen/Matteo Maffesanti) e progetti community che coinvolgono anziani e ragazzi del piccolo comune. E poi ancora il romantico Parco di Villa Rossi a Santorso (1/9) con un progetto sul corpo delle donne (Silvia Gribaudi/Anna Piratti) e la Chiesa del Torresino di Cittadella con i soli di Francesca Foscarini in Un corpo che parla (20/8).

Con RESTITUZIONI vanno in scena le creazioni originate dai programmi europei vinti e attivati dal festival. Da Act Your Age, progetto sui temi dell’invecchiamento attivo, 4 coreografi (Rosenfeld/D’Agostin/Gribaudi/D’Anna) presentano le loro nuove produzioni (19/7). Oltre a Parkin’son di Giulio D’Anna (20/7): emozionante racconto di un padre e di un figlio e dei loro corpi divisi. Per B.Project dal Progetto BOSCH (17/8) 5 giovani coreografi si propongono come una vera e propria esposizione d’arte: Giorgia Nardin/Maxence Rey/Jan Martens/Juan Dante Morillo/Claire Cunningham, nel Museo di Palazzo Sturm.

Completa il programma danza una leggenda del tango argentino: Miguel Angel Zotto con la sua compagnia e la musica dal vivo del Sexteto Viento de Tango in Concierto de Tango (3/8) e la nuova creazione in prima nazionale della Compagnia Naturalis Labor di Luciano Padovani con Naveneva: originale coreografia dedicata al pubblico dei ragazzi per raccontare l’immaginario del mare (11/08).

L’intero cartellone 2013 racconta di un festival capace di evolversi nel tempo, di raccontare puntualmente la contemporaneità e i suoi mutamenti incessanti. Un oggi complesso da ogni punto di vista, dove riuscire a sviluppare arte e cultura è impresa ardua. Eppure, nonostante il tempo gravoso, si resiste nella consapevolezza di un importante valore generato: non solo economico, ma di qualità di vita, rafforzamento d’immagine e di attrattività turistica, aumento dei consumi e delle pratiche culturali, sostegno al capitale creativo e alla produzione artistica.

Info: www.operaestate.it

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: