Astolfi si perde nella parola per ritrovarsi in un dialogo danzato

Lost for Words è una canzone dei Pink Floyd buia, piena di paura odio solitudine. Mauro Astolfi, apprezzato coreografo della Spellbound, crea una trilogia tra il 2011 e il 2013 con lo stesso titolo e lo chiosa con “l’invasione delle parole vuote”. Ma il tessuto coreografico riceverebbe più giustizia da quel testo inglese, con quell’atmosfera carica di autoaffllizione e rancore.

SPELLBOUND crediti StephaneBellocqI tre brani confluiscono l’uno nell’altro, cercando di processare la parola, la sua vuotezza e il suo potere. Arduo cimentarsi con la danza, con un linguaggio così fisico, che nella sua massima espressione dà voce a un corpo che non necessita di orpelli linguistici ma si piega fino a poter urlare la propria anima. E in questa trilogia la danza prevale su ogni significato sotteso, infilandosi nelle pieghe dei corpi fino ad impossessarsi della scena con le sue mutazioni infinite.

SPELLBOUND crediti Marco Bravi
I danzatori della Spellbound appartengono al raro fenomeno italiano di trascendere la tecnica – che ha già marcato il loro incedere – per mettere ogni muscolo al servizio di un continuum dinamico. I movimenti si inseguono per cercarsi, esplorando accelerazioni rapidissime, scomponendo il corpo con fluido o meccanico ipercontrollo, e continuando ad autogenerarsi dalla magica intersecazione dei corpi. In una cupa atmosfera, priva di ogni colore scenico, è lo sguardo in realtà a perdersi e sorprendersi in un distinto magma danzato.

Alessandra Ferrari

“Lost for words – L’invasione delle parole vuote (la trilogia)”
di Mauro Astolfi | Spellbound Contemporary Ballet
visto al Piccolo Teatro di Padova per Festival Lasciateci Sognare il 05/12/2014

Studio I | musica: Loscill, HIF Biber
Creazione per Avvertenze Generali 2011
Debutto 21 luglio 2011, Bolzano Avvertenze Generali

Studio II | musica: B. Frost, D.Bjarnason, J.Hopkins, A.Ibragimova, A Winged Victory for the Sullen
Creazone per Amat Civitanova Danza 2012
Debutto 12 luglio 2012, Amat Civitanova Danza Festival

Studio III | musiche originali Carlo Alfano
Creazione per Regione Lazio
Debutto 16 maggio 2013, Tuscania

Advertisements

2 comments

  1. Pingback: Mangiare, amare, cantare… et voilà la danza di Rossini | Parole di Danza

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: