Viaggio iniziatico di Neumeier nella Terza Sinfonia di Mahler

du 9 Avril au 12 Mai 2013

Quando la rigorosa precisione travalica il tempo, si insinua nella musica, l’amplifica, ne vibra le note per restituirla ai dilatati sensi dello spettatore. Ci riesce l’ossessivo ed emotivo talento coreografico di John Neumeier, riproponendo la Terza Sinfonia di Gustav Mahler, creata nel 1975 per l’Hamburg Ballett sull’omonima partitura e rappresentata nello stesso anno proprio a Venezia, in Piazza San Marco. Duplice anniversario quindi oggi al Teatro La Fenice, per cui Neumeier riprende l’articolata coreografia entrata poi nel repertorio del Balletto dell’Opéra di Parigi, tra le poche realtà che possono schierare la rigorosa tecnica corale richiesta.

terza-sinfonia-mahler-neumeier-1Quasi due ore di incessante tensione coreutica, a ricalcare i sei movimenti della più lunga Sinfonia scritta, ad omaggiare il maestro John Cranko, ma che risulta come un infinito inno alla danza, le sue sfumature, toni, ritmi, stili, pieghe, la sua disarmante bellezza. Una precisione maniacale – dalla ineccepibile tecnica dei danzatori, ai quadri coreografici, all’alternanza dei colori nel minimalismo scenico – che riesce a non essere mai arida, ma la cui geometricità scivola nella musica per palpitare nelle sue note.
DEU, Hamburg, Oper Hamburg, 4.11.2011, Hamburg Ballett: John Neumeier: 3. Sinfonie von Gustav Mahler

Come dichiara il coreografo, argomento della coreografia è la musica stessa, che inizia un idillio tra Mahler e Neumeier che ne coreograferà anche la Quarta (1977), Prima (1980), Sesta (1984), Quinta (1989) e Nona (1994) sinfonia. Si apre il sipario sul primo movimento, Ieri, trenta minuti di danza maschile dalle reminescenze bejartiane, un ritmo ‘forte e risoluto’ che porta Pan (l’intenso Alexandre Riabko) ad esplorare ed interagire con strutture plastiche che si ergono e sfaldano tra flex e punte, grand-pliè alla seconda e paralleli perfetti, precise verticalità e orizzontalità, in un dicotomico viaggio iniziatico che si trasforma in una marcia possente verso la violenza e la guerra.

terza-sinfonia-mahler-neumeierMa la distruzione genera creazione, rivalsa, joie: segue l’Estate con il suo tripudio di colori, un campo di girasoli sulle punte, due coppie leggiadre dai tenui colori pastello, un giardino incantato a tempo di minuetto che resta sospeso come un quadro idilliaco, lontano dalla greve fisicità quotidiana. La quest prosegue naturalmente nell’Autunno, alla ricerca di calore umano tra notturni Goethiani che intrecciano, sublimano e liberano le proprie affinità. La danza si rincorre, i passi a due si moltiplicano, il ritmo fluisce.
Cala la Notte misteriosa, origine di questo articolato e complesso tributo a John Cranko, il confronto con la Morte. La scena si spoglia dell’eccellente virtuosismo del corpo di ballo, mentre la musica si appella alla voce umana per sorreggere il dolore. Riabko si intreccia così ad un uomo ed una donna per tradurre quel monito Nietschiano di dolore, voluttà, eternità, gioia.
Silvia-Azzoni-e-Oleksandr-Ryabko-Terza-Sinfonia-di-Gustav-Mahler-cor-Neumeier-ph-Enrico-RipariÈ giunto il momento del sacro, un coro epifanico di pietà e beatitudine, mentre un Angelo – incarnato dalla dolce ironia di Silvia Azzoni – si fa strada nel vasto palco con la ludica leggiadria di una fanciulla in guaina cremisi. A coronare questo biblico viaggio non poteva essere che Amore, intensamente interpretato dalla Azzoni e Riabko (coppia anche nella vita) che moltiplicano le loro prese nel corpo di ballo, divina schiera stellare che ne accoglie i movimenti nella loro profonda, corale, umanità.

Così Neumeier, volendo rispondere in modo personale alle note di Mahler e ai suoi movimenti, ha creato un’opera universale, dagli infiniti richiami letterari perché quando l’uomo smarrisce la diritta via non può che intraprendere un viaggio di oscurità e redenzione, in un eterno movimento danzato.

Lara Crippa

“Terza Sinfonia di Gustav Mahler”, Hamburg Ballett – John Neumeier
visto al Teatro La Fenice di Venezia il 15/07/2015

 


Terza Sinfonia di Gustav Mahler
Musica | Gustav Mahler
Coreografia, Costumi, Luci | John Neumeier
allestimento | Hamburg Ballett
nei quarant’anni della prima assoluta amburghese (14 giugno 1975) e della prima italiana in Piazza San Marco (24 giugno 1975)

I. Ieri
Alexandre Riabko
Karen Azatyan, Kiran West, Alexandr Trusch, Edvin Revazov, Christopher Evans
Braulio Álvarez, Emanuel Amuchástegui, Silvano Ballone, Zachary Clark, Orkan Dann, Graeme Fuhrman, Marc Jubete, Marcelino Libao, Aleix Martínez, Matias Oberlin, Sasha Riva, Dale Rhodes, Thomas Stuhrmann, Luca-Andrea Tessarini, Konstantin Tselikov, Lizhong Wang, Eliot Worrell
II. Estate
Carolina Agüero, Christopher Evans; Leslie Heylmann, Alexandr Trusch
Kristína Borbélyová, Sara Coffield, Futaba Ishizaki, Aurore Lissitzky, Ekaterina Mamrenko, Emilie Mazoń, Hayley Page, Yun-Su Park, Miljana Vračarić
III. Autunno
Anna Laudere, Edvin Revazov; Lucia Ríos, Braulio Álvarez; Xue Lin, Silvano Ballone, Priscilla Tselikova; Winnie Dias, Thomas Stuhrmann; Yuka Oishi, Aleix Martínez, Emilie Mazoń, Marcelino Libao
Kristína Borbélyová, Sara Coffield, Yaiza Coll, Futaba Ishizaki, Aurore Lissitzky, Ekaterina Mamrenko, Hayley Page, Madoka Sugai Emanuel Amuchástegui, Zachary Clark, Orkan Dann, Marc Jubete, Aljoscha Lenz, Sasha Riva, Lizhong Wang, Eliot Worrell
IV. Notte
Hélène Bouchet, Alexandre Riabko, Karen Azatyan
V. Angelo
Silvia Azzoni
VI. Quello che mi dice l’amore
Silvia Azzoni, Alexandre Riabko e l’intera compagnia

John-Neumeier-terza-sinfonia-mahler-Hamburg-Ballett-Teatro-la-Fenice

Advertisements

One comment

  1. Pingback: Roberto Bolle, verso l’Olimpo degli dei | Parole di Danza

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: