I corpi musicali dell’Aspen Santa Fe Ballet

Aspen-Santa-Fe-Ballet-1st-flashUn trittico coreografico che danza le note dei corpi: è l’Aspen Santa Fe Ballet (ASFB), istituzione americana con doppia sede in Colorado e Nuovo Messico, in scena con tre repliche al Teatro Malibran di Venezia. Eccellente e avvincente prova per i dieci danzatori che si susseguono plastici e dinamici tra le incalzanti note musicali. Stile astratto, giochi di linee, tradizione americana che fa emergere una chiarezza geometrica contaminata da una più involuta anima europea.

Tre lavori i presentati: 1st Flash del finlandese Jorma Elo su musiche di Jean Sibelius, creato nel settembre 2003 per il Nederlands Dans Theater. Coreografia ancora attualissima che si compone con l’ironia del gesto, giocando sui movimenti, la loro rottura, come se i danzatori dessero vita alla partitura musicale, dissolvendosi e ricreandosi in ogni nota, spogliati di ogni apparente struttura per farsi corpo musicale.

Aspen-Santa-Fe-Ballet-malibranSeguono due recenti commissioni dell’ASFB: la delicatezza di Silent Ghost (luglio 2015) dello spagnolo Alejandro Cerrudo su musiche di Dustin Hamman, King Creosote & Jon Hopkins, Ólafur Arnalds e Nils Frahm, dove i corpi acquistano nitore, fluendo tra antichi rituali che richiamano gli elementi, un sotterraneo appello agli arcani che culmina nel passo a due finale tutto teso all’esterno, alla ricerca di una dimensione che approda alla solitudine.

Conclude The Heart(s)pace (febbraio 2014) di Nicolo Fonte, su musiche di Ezio Bosso, molto apprezzato dal pubblico per le dinamiche concatenazioni tra i danzatori, ma che risulta strutturalmente più ricercato tra i meandri cerebrali che tra gli interstizi del cuore. Movimenti ineccepibili che si arrestano tra grandi sospensioni, pause ed equilibri per trasportare i danzatori con un fil rouge estetico tra precise dinamiche relazionali di cui non si sente il battito.

Alessandra Ferrari

Aspen Santa Fe Ballet, visto al Teatro Malibran di Venezia il 12/03/2016

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: