Il festival “Inequilibrio” tra fragilità ed espressività


XXI edizione per INEQUILIBRIO
che nel 2018 fa della fragilità il suo tema centrale, così come rappresentata nell’immagine disegnata da Guido Bartoli per il Festival. A Castello Pasquini, Castiglioncello (LI) dal 19 giugno all’8 luglio, un Festival che traccia uno spaccato sulla nuova contemporaneità, le molteplici fragilità dei nostri tempi, attraverso 52 spettacoli di commistione tra danza, musica, teatro.

Il Focus di danza quest’anno si espande dal Medioriente all’intera area Mediterranea grazie al Focus Young Mediterranean And Middle East Choreographers 2018. Tra gli artisti ospiti: Sina Saberi, danzatore iraniano che eludendo i divieti del suo paese scandaglia tradizioni e riti del passato in Iran; la danzatrice marocchina Nora Alami insieme al performer libanese Jadd Tank; Radouan Mriziga, coreografo marocchino che esplora il mondo contemporaneo in bilico tra religione e rinnovamento.


Tra gli ospiti internazionali di grande richiamo sarà presente Ivo Dimchev, carismatico artista bulgaro noto per le sue performance innovative e per la sua singolare vocalità; Meytal Blanaru, danzatrice e coreografa israeliana con base a Bruxelles, che presenterà Aurora, un singolare solo ispirato alla storia della bambina Genie. In scena anche la compagnia ceca Dot 504 che debutterà in prima italiana con il nuovo spettacolo Family Journey.

Per gli artisti italiani focus su Daniele Ninarello (danzatore e coreografo) e Rita Frongia (drammaturga, regista e attrice) che presenteranno tre loro spettacoli ciascuno. Tra le altre carismatiche presenze la compagnia Sirna/Pol con I Giardini di Kensington, spettacolo sulla relazione tra maschile e femminile, e Daniele Albanese con Von, riflessione sulla danza intesa come continua mutazione e trasformazione. Nella voliera nel parco di Castello Pasquini la danzatrice Annamaria Ajmone, in dialogo con la costumista e scenografa Jules Goldsmith, presenterà Norama Valley; danzerà inoltre nello spettacolo V N Serenade di Cristina Kristal Rizzo alla ricerca del rapporto più prossimo tra danza e musica.


Just Two è il titolo di una serata condivisa, in cui due coreografi palermitani over 40, Giuseppe Muscarello e Giovanna Velardi, propongono due soli sul tema dell’espressività e dell’identità. Non Ricordo è il titolo del nuovo spettacolo di e con Simone Zambelli, artista selezionato nella Vetrina Anticorpi Xl edizione 2017. Silvia Rampelli, con la sua compagnia Habilé d’eau, completa lo studio di Euforia, mentre l’inedita coppia Alessandra Cristiani e Marcello Sambati presenta Clorofilla, dai libri Esitazioni e Tenebre del poeta e attore Marcello Sambati.

Programma completo su: www.armunia.eu

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: