Show, il ribaltamento dello spettacolo

SHOW, uno spettacolo di clown, di personaggi dell’immaginario più torbido, rappresentanti dello straniamento dicotomico tra riso e paura, innocenti infanzie e diaboliche malizie, figure imprevedibili, tecnicamente ineccepibili, che ribaltano le regole del pensiero e le gerarchie sociali. È già stato detto tutto di questo Show di Hofesh Shechter, basato sulla creazione Clowns del 2016 per l’NDT 1 e ripreso per gli otto giovanissimi danzatori dello Shechter II. «Combinando la coreografia audace, esilarante e tribale di Hofesh con una colonna sonora pulsante, SHOW ruota attorno a un gruppo di artisti anarchici mentre recitano le loro parti in un macabro circo di commedia, omicidio e desiderio».

È tutto qui lo spettacolo. La chiara messinscena di una finzione che vuole inizialmente estraniare lo spettatore per catapultarlo poi nell’orrore umano. Le luci si spengono e accendono presentando continui cambi di scena. I danzatori passeggiano per il palco fermandosi in pose continue, come a fornire un glossario per la parte successiva della performance. Otto clown che predispongono un rituale per esorcizzare le nostre atrocità, fantocci in prima posizione che cominciano ad aprire le braccia al pubblico mentre lo seducono in un bounce continuo. Un sipario rosso si staglia sul fondale, portandoci tutti su una scena che snocciola la morte, simulando continue esecuzioni. Ma la catarsi aristotelica qui non funziona più, né la sovversione clownesca, né tantomeno la dichiarata finzione dell’arte. La musica di Shechter nel frattempo incalza, i danzatori sono proiettati nello spirito dionisiaco, mentre si insinua il ricordo del rasserenante appiglio classico – una nota del Concerto per la notte di Natale, la preparazione dalla quarta per le pirouette en-dehors – quella regola necessaria all’ordine eppure anch’essa così balsamica e al contempo ridicola. Veniamo abbandonati così, alla necessità dell’arte, alla responsabilità della follia, mentre i clown ora ci danno la schiena ma il loro volto rimane lì, seducente e irriverente.

Lara Crippa

“Show”, Hofesh Shechter Company – Shechter II
visto al Teatro Comunale di Vicenza il 01/12/2018

The Entrance – Clowns – Exit
Coreografia e musica Hofesh Shechter
Luci originali per Clowns: Lee Curran
Design luci per Show: Richard Godin
Direttore prove: Chien Ming Chang
Supervisione costumi: Laura Rushton
Interpreti: Riley Wolf, Juliette Valerio, Zunnur Sazali, Adam Khazhmuradov, Natalia Gabrielczyk, Emma Farnell- Watson, Robinson Cassarino, Neal Maxwell

Leggi anche: SUN recensione
POLITICAL MOTHER recensione

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: