per l’alto mare aperto… Trent’anni di Festival

Ravenna Festival 2019 – XXX EDIZIONE
5 giugno – 16 luglio | 1-10 novembre

comunicato stampa – Ravenna crocevia di popoli, città d’acqua adriatica e mediterranea, pellegrina e straniera: è un tema che il Festival non ha mai cessato di indagare, talvolta in modo bizantinamente obliquo, come meta o come punto di partenza. Una Ravenna-Mondo che trova nella Commedia qui scritta – in piccola o grande parte poco importa – la propria OperaMondo: universi concentrici che si specchiano in un vertiginoso gioco di rimandi, come forse piacerebbe a Borges. Attraverso Dante, del quale si avvicina il settimo centenario, e al suo Ulisse – che pur tornato a Itaca non poté vincere l’ardore per l’avventura e la scoperta e si rimise quindi “per l’alto mare aperto” (Inf. XXVI, 100) – fino alla Grecia. Sarà anch’essa meta (con Atene) e tema del Festival sotto l’unificante metafora del viaggio e del nostos: viaggio di ritorno alle origini della civiltà occidentale, pur con tutto quell’Oriente che vi si cela e tuttora ci pervade vanificando qualsiasi pretestuoso quanto inesistente scontro di civiltà. È questo lo spirito che ha animato l’ininterrotto percorso del Festival; itinerario che per la XXX edizione viaggia sulle rotte mediterranee e oltre, varcando le Colonne d’Ercole, allorché s’intravede all’orizzonte una montagna e quella montagna è il Purgatorio, centro di una costellazione di temi e percorsi, nella migliore natura errabonda del Festival a cui il nostro pubblico-viaggiatore è abituato. E se l’immagine (e il suono) del mare aperto non può che rimandare anche a immagini e voci che ci chiamano e interrogano, la condizione dell’esilio, tragicamente vissuta da Dante, acquista una dimensione corale di devastante potenza. Forse nessuna bellezza potrà consolarci o tantomeno salvarci, ma il rito dell’Arte, sempre uguale e pur sempre diverso, compie un piccolo miracolo: è un rito di comunione e crea, nell’idem sentire, comunità nell’epoca in cui gli individui sono social piuttosto che sociali. Così ricominciamo, annum per annum, imbarcandoci con voi per una nuova avventurosa navigazione “per l’alto mare aperto”.

DANZA

sabato 8 giugno
SHINE! Pink Floyd Moon
coreografia e regia di Micha van Hoecke
musica dal vivo eseguita dai Pink Floyd Legend
solisti e corpo di ballo Compagnia Daniele Cipriani
prima assoluta
@ Palazzo Mauro De André ore 21.30

Micha nel mondo della luna scortato dai Pink Floyd: è questo il viaggio promesso da van Hoecke nel nuovo spettacolo per Ravenna. Il coreografo russo-belga si fa ispirare stavolta dai suoni psichedelici della leggendaria band e lo fa partendo dalla canzone Shine on You Crazy Diamond, in cui Roger Waters e gli altri membri omaggiavano il leader, Syd Barrett, smarritosi nei meandri dei suoi disturbi mentali. Ma qui la follia si trasfigura in incanto leggero, un percorso a ritroso negli anni giovanili di Micha, fatti di rock e danza. La Compagnia Daniele Cipriani insieme ai Pink Floyd Legend, gruppo italiano che “doppia” con successo la sua matrice inglese, comporranno così sotto la sua direzione un affresco affollato di ombre poetiche, che attraverso il sogno ci parlano di speranza.

lunedì 17 giugno
MARTHA GRAHAM DANCE COMPANY
Errand into the Maze coreografia Martha Graham
Deo coreografia Maxine Doyle e Bobbi Jene Smith
Lamentation Variations coreografia Bulareyaung Pagarlava, Nicolas Paul e Larry Keigwin
Ekstasis coreografia Martha Graham ripresa da Virginie Mécène
Diversion of Angels coreografia e costumi Martha Graham

Resta forte l’imprinting di Martha nella compagnia da lei fondata, che a distanza di 28 anni dalla scomparsa della Graham ne riattraversa l’eredità e la rinnova. A partire da Errand into the Maze – del 1947, periodo “mitologico” della signora della Modern Dance, le cui scene originali di Noguchi furono rovinate dall’uragano Sandy – che rivive oggi in un nuovo allestimento, focalizzato sull’intensità e sul senso coreografi co. Autori contemporanei rileggono l’iconico assolo Lamentation in personali omaggi, mentre il movimento pelvico che ispirò Ekstasis è stato reimmaginato da Virginie Mécène. Finale scintillante con Diversion of Angels, lavoro con cui Martha guardò al futuro: mettendo da parte la trama e abbandonandosi al fl usso di movimenti e di emozioni che declinano le sfumature dell’amore.


mercoledì 26 giugno
We Want Miles, in a silent way
gruppo Nanou
progetto Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci, Marco Maretti
prodotto da Ravenna Festival, Nanou Associazione Culturale
prima assoluta
@ Teatro Alighieri ore 21

L’avvicinamento per gradi che il gruppo Nanou fa a Miles Davis non ha nulla del solito omaggio. È un percorso di riverberi, una ricerca di assonanze nel metodo, che infatti sottrae la musica e fa suo il procedimento di composizione del geniale autore di Kind of Blue. Dai suoni ai corpi, dal jazz alla coreografia. Condividendo un medesimo senso per l’instabilità, intercettata con un mélange di luci e colori (con l’aiuto di Daniele Torcellini, esperto di cromatologia) e il gioco dei danzatori tra corpo, spazio, tempo, relazione. Nanou indaga su nuovi mondi di danza possibili, taglia e cuce, comincia da uno spunto tematico su titoli di Davis in ordine alfabetico e finisce dadaista. Spiazzante, intuitivo come un’emozione sulle ceneri di una malinconia. Capace di diventare danza sciamanica.

venerdì 5 e sabato 6 luglio
HAMBURG BALLETT JOHN NEUMEIER
Beethoven Fragments (2018) musiche Ludwig van Beethoven
At Midnight (2013) musica Gustav Mahler
Birthday Dances (1990) musica Leonard Bernstein
in esclusiva per l’Italia
@ Teatro Alighieri ore 21

Continuano a fiorire le primavere di John Neumeier, il romanziere della danza, forse l’ultimo grande autore romantico in epoche di coreografi postmoderni e performer. Lo splendido ottantenne è in piena attività, alle prese con nuove produzioni o la creazione di un centro studi per la danza. E naturalmente, intento a curare l’Hamburg Ballet, “creatura” che dirige da oltre 45 anni. In occasione della sua seconda visita a Ravenna Festival, il maestro americano propone un trittico – in prima italiana – che sfoggia le sue doti più preziose: la capacità di passare da danze sinfoniche in risonanza con l’imponente respiro beethoveniano, all’intimità di un balletto che torna a ispirarsi ai mahleriani Lieder di Rückert, passando per l’effervescenza di “danze di compleanno” su musiche di Bernstein.

martedì 16 luglio
LES ÉTOILES
Gala internazionale di danza, a cura di Daniele Cipriani
@ Palazzo Mauro De André ore 21.30

con Bakhtiyar Adamzhan (Teatro dell’Opera di Astana); Constantine Allen (Balletto Nazionale Olandese); Sergio Bernal (Balletto Nazionale di Spagna); Dorothée Gilbert (Opéra di Parigi); Liudmila Konovalova (Teatro dell’Opera di Vienna); Alena Kovaleva (Teatro Bolshoi di Mosca); Hugo Marchand(Opéra di Parigi); Tatiana Melnik (Teatro dell’Opera Ungherese); Vladimir Shklyarov (Teatro Mariinskij di San Pietroburgo); Jacopo Tissi (Teatro Bolshoi di Mosc);a Anna Tsygankova (Balletto Nazionale Olandese)

Quel che caratterizza Les Étoiles è la brillantezza delle sue “stelle”. I migliori danzatori della scena contemporanea, un solo palco per accostare ospiti provenienti dai più prestigiosi teatri di tutto il mondo. Davvero un’occasione ghiotta per i ballettofili vedere dal vivo tanti loro beniamini. Gli ospiti a Ravenna approdano dai gloriosissimi Bolshoi di Mosca e Mariinskij di San Pietroburgo, dall’Opéra di Parigi e dai Teatro dell’Opera di Vienna. E ancora: dalle compagnie nazionali di Ungheria, Olanda e Spagna, con anche una stella che brilla nei cieli, da scoprire, del Kazakistan. Immancabili le perle del grande repertorio da Don Chisciotte a Le Corsaire, intervallate con folgoranti brani moderni e contemporanei e con le alte temperature del flamenco.

INFO: http://www.ravennafestival.org/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: