Alla ricerca della scuola perduta

Emma Mardegan e Lorenzo Collatuzzo al Dutch National Ballet Junior Company, Eleonora Campello a Le Jeune Ballet de Genève, Viviana Pacchin, Lucia Spada, Beatrice Pellizzato e Ilaria Rivetti al Dance In Art Junior Company (le ultime due anche presso The Poetic Disasters); tra i danzatori Gabriele Coz all’Opera Nazionale di Krakovia, Matteo Moretto all’Opera in Balet di Ljubljana, Cristian Daneri al Teatro Nazionale Sloveno di Maribor, e poi ancora Beatrice Gazzola nel cast artistico di 4Fun entertainment e Guido Fiorillo in quello di Disneyland Paris: sono solo gli ultimi contratti di lavoro firmati dai diplomati 2018 e 2019 presso la scuola di danza Il Balletto. A dirigere la nota scuola veneta Susanna Plaino Silingardi che dal 1982 lavora sul territorio e nella zona di Castelfranco Veneto (Treviso) per impiantarne il seme coreutico. Seme che oggi si è diffuso quasi a macchia d’olio sino ad originare una vera e propria giungla dove genitori, nonni, zii insieme a piccoli e grandi aspiranti Bolle (e ahime nessuna novella Tersicore) vengono sedotti da nuovi e rivoluzionari format o rigettati nelle desolate lande dell’ultimo atto bianco.

Clicca per continuare l’articolo su Sguardi di Danza @corriereveneto

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: