Posts Tagged: fabbrica europa

Fabbrica Europa, diffusa, contaminata e con uno sguardo all’oriente

Fabbrica Europa affronta il 2019 con lo slancio di un nuovo inizio. Un Festival diffuso sulla città di Firenze anima diversi spazi, teatrali e non, con un continuo attraversamento di gesti performativi, sonori e artistici che esprimono i segni di

Fabbrica Europa, diffusa, contaminata e con uno sguardo all’oriente

Fabbrica Europa affronta il 2019 con lo slancio di un nuovo inizio. Un Festival diffuso sulla città di Firenze anima diversi spazi, teatrali e non, con un continuo attraversamento di gesti performativi, sonori e artistici che esprimono i segni di

Fabbrica Europa XXV: 52 titoli, 96 repliche, 25 giorni di spettacolo

Venticinque anni di Fabbrica Europa vissuti non come una celebrazione, ma come anno zero per ripartire da un nuovo respiro di creatività, ricercato in un’essenza palpitante da ascoltare e catturare per carpirne la vitalità, il battito, il senso. Torna Fabbrica

Fabbrica Europa XXV: 52 titoli, 96 repliche, 25 giorni di spettacolo

Venticinque anni di Fabbrica Europa vissuti non come una celebrazione, ma come anno zero per ripartire da un nuovo respiro di creatività, ricercato in un’essenza palpitante da ascoltare e catturare per carpirne la vitalità, il battito, il senso. Torna Fabbrica

Fabbrica Europa 2017, ritualità del domani

Un grande laboratorio sul mondo alla ricerca di nuove visioni di futuro. Il programma della XXIV edizione del Festival Fabbrica Europa (4 maggio – 15 giugno 2017) si muove tra comunità artistiche e ritualità del domani che renderanno la Stazione

Fabbrica Europa 2017, ritualità del domani

Un grande laboratorio sul mondo alla ricerca di nuove visioni di futuro. Il programma della XXIV edizione del Festival Fabbrica Europa (4 maggio – 15 giugno 2017) si muove tra comunità artistiche e ritualità del domani che renderanno la Stazione

I mille orizzonti di Fabbrica Europa

Fabbrica Europa 2015, alla sua XXII edizione, è un’immersione in una moltitudine di universi creativi, fisici e culturali. Danza, Teatro, Musica esprimono contemporaneità non convenzionali, tracciando linee progettuali simultanee attraverso proposte innovative che lasciano emergere una polifonia di voci. Non

I mille orizzonti di Fabbrica Europa

Fabbrica Europa 2015, alla sua XXII edizione, è un’immersione in una moltitudine di universi creativi, fisici e culturali. Danza, Teatro, Musica esprimono contemporaneità non convenzionali, tracciando linee progettuali simultanee attraverso proposte innovative che lasciano emergere una polifonia di voci. Non

Fabbrica Europa – day 2 – Alla ricerca dell’umanità perduta

16 maggio 2014 – Secondo giorno per noi a Fabbrica Europa che assistiamo, dopo i due lavori coreografici precedenti all’insegna della spersonalizzazione, a due esplorazioni della condizione umana. Una prima mondiale per Maguy Marin che nell’intento di mettere in scena

Fabbrica Europa – day 2 – Alla ricerca dell’umanità perduta

16 maggio 2014 – Secondo giorno per noi a Fabbrica Europa che assistiamo, dopo i due lavori coreografici precedenti all’insegna della spersonalizzazione, a due esplorazioni della condizione umana. Una prima mondiale per Maguy Marin che nell’intento di mettere in scena

Fabbrica Europa – day 1 – Alla ricerca del corpo perduto

15 maggio 2014 – Primo giorno per noi a Fabbrica Europa con due coreografie energicamente differenti ma a tratti simili nello smantellare un’estetica convenzionale tratteggiata da dinamiche disumanizzanti. Inizia Xavier Le Roy, coreografo e microbiologo che ripropone il suo delicatissimo

Fabbrica Europa – day 1 – Alla ricerca del corpo perduto

15 maggio 2014 – Primo giorno per noi a Fabbrica Europa con due coreografie energicamente differenti ma a tratti simili nello smantellare un’estetica convenzionale tratteggiata da dinamiche disumanizzanti. Inizia Xavier Le Roy, coreografo e microbiologo che ripropone il suo delicatissimo

La sete di potere del femminino disegnata nel corpo

“Temo tuttavia la tua natura: è troppo piena del latte dell’umana bontà per prendere la via più breve”. Simona Bucci sceglie questi versi di Shakespeare per introdurre il suo nuovo lavoro, che si appoggia all’immaginario del Macbeth shakespeariano per iniziare

La sete di potere del femminino disegnata nel corpo

“Temo tuttavia la tua natura: è troppo piena del latte dell’umana bontà per prendere la via più breve”. Simona Bucci sceglie questi versi di Shakespeare per introdurre il suo nuovo lavoro, che si appoggia all’immaginario del Macbeth shakespeariano per iniziare