Posts Tagged: Teatro Comunale Ferrara

La mente e la sua ossessiva scomposizione nel corpo

La compagnia L-E-V (cuore, in ebraico) presenta OCD Love (acronimo di Disturbo Ossessivo Compulsivo) traendo ispirazione dall’omonima poesia di Neil Hilborn, Obsessive Compulsive Disorder, dedicata a un amore impossibile. Psiche e Amore, un confronto senza vincitori dove l’amore abbraccia la

La mente e la sua ossessiva scomposizione nel corpo

La compagnia L-E-V (cuore, in ebraico) presenta OCD Love (acronimo di Disturbo Ossessivo Compulsivo) traendo ispirazione dall’omonima poesia di Neil Hilborn, Obsessive Compulsive Disorder, dedicata a un amore impossibile. Psiche e Amore, un confronto senza vincitori dove l’amore abbraccia la

Last work, tre anni dopo

Sono trascorsi tre anni da quel Last Work andato in scena a Tel Aviv, e poi subito a Praga [vedi recensione di Giambattista Marchetto]. Sedici danzatori della Batsheva Dance Company coordinati nella loro plastica individualità dalla magia destrutturante e compositiva

Last work, tre anni dopo

Sono trascorsi tre anni da quel Last Work andato in scena a Tel Aviv, e poi subito a Praga [vedi recensione di Giambattista Marchetto]. Sedici danzatori della Batsheva Dance Company coordinati nella loro plastica individualità dalla magia destrutturante e compositiva

Ferrara, culla contemporanea

La Danza è da sempre uno dei punti forza della programmazione del Teatro Comunale di Ferrara, e la stagione 2018/2019 ne è una conferma. Diversi gli elementi di novità, a partire da tre grandi nomi di richiamo e respiro internazionale.

Ferrara, culla contemporanea

La Danza è da sempre uno dei punti forza della programmazione del Teatro Comunale di Ferrara, e la stagione 2018/2019 ne è una conferma. Diversi gli elementi di novità, a partire da tre grandi nomi di richiamo e respiro internazionale.

McGregor e la psichedelica danza del DNA

L’anatomia di un danzatore è puro fascino, quel controllo di ogni muscolo, la sensazione di ogni fibra, ma ciò che la rende imperitura è saper tradurre quella tenace tecnica in mera arte. Ancora più incredibile quando ad emozionare è un

McGregor e la psichedelica danza del DNA

L’anatomia di un danzatore è puro fascino, quel controllo di ogni muscolo, la sensazione di ogni fibra, ma ciò che la rende imperitura è saper tradurre quella tenace tecnica in mera arte. Ancora più incredibile quando ad emozionare è un

A Ferrara la danza che legge il mondo

Sarà vero che la danza riesce a leggere la contemporaneità come nessun’altra forma artistica? La programmazione del Teatro Comunale di Ferrara 2016/2017 cerca di rispondere a questo interrogativo con una stagione che rispecchia la frammentarietà e la complessità del presente

A Ferrara la danza che legge il mondo

Sarà vero che la danza riesce a leggere la contemporaneità come nessun’altra forma artistica? La programmazione del Teatro Comunale di Ferrara 2016/2017 cerca di rispondere a questo interrogativo con una stagione che rispecchia la frammentarietà e la complessità del presente

La vorticosa anima collettiva di Romeo e Giulietta

Bianco e nero, molteplicità e assenza, rigore e anonimato, redenzione e condanna. Scena ridotta all’essenza, privata delle quinte, immersa nell’ombra da cui si materializzano danzatori scomposti, frammentati, spersonalizzati. Non ci sono sfumature nel Romeo e Giulietta di Hélène Blackburn, fondatrice

La vorticosa anima collettiva di Romeo e Giulietta

Bianco e nero, molteplicità e assenza, rigore e anonimato, redenzione e condanna. Scena ridotta all’essenza, privata delle quinte, immersa nell’ombra da cui si materializzano danzatori scomposti, frammentati, spersonalizzati. Non ci sono sfumature nel Romeo e Giulietta di Hélène Blackburn, fondatrice

Cigni in cerca di autore, il Canto di Fabrizio Monteverde

Pare che il primo e l’ultimo confronto sia con la tradizione: la storia che ci genera, la sua grandezza, le regole che improntano i primi passi; ne consegue la naturale ribellione, il bisogno di rompere le forme, sentirne i limiti,

Cigni in cerca di autore, il Canto di Fabrizio Monteverde

Pare che il primo e l’ultimo confronto sia con la tradizione: la storia che ci genera, la sua grandezza, le regole che improntano i primi passi; ne consegue la naturale ribellione, il bisogno di rompere le forme, sentirne i limiti,