Posts Tagged: recensione danza

McGregor e la psichedelica danza del DNA

L’anatomia di un danzatore è puro fascino, quel controllo di ogni muscolo, la sensazione di ogni fibra, ma ciò che la rende imperitura è saper tradurre quella tenace tecnica in mera arte. Ancora più incredibile quando ad emozionare è un

McGregor e la psichedelica danza del DNA

L’anatomia di un danzatore è puro fascino, quel controllo di ogni muscolo, la sensazione di ogni fibra, ma ciò che la rende imperitura è saper tradurre quella tenace tecnica in mera arte. Ancora più incredibile quando ad emozionare è un

A Cannes, teoria, tecnica e pratica della danza

Vivere in Costa Azzurra, in una struttura che racchiuda formazione culturale e coreutica, dove dagli undici anni metà giornata coltivi la mente proseguendo il normale ciclo scolastico fino all’università, mentre l’altra metà esplori la danza con una perfetta complementarietà tra tecnica

A Cannes, teoria, tecnica e pratica della danza

Vivere in Costa Azzurra, in una struttura che racchiuda formazione culturale e coreutica, dove dagli undici anni metà giornata coltivi la mente proseguendo il normale ciclo scolastico fino all’università, mentre l’altra metà esplori la danza con una perfetta complementarietà tra tecnica

Roberto Bolle virtuosismo 2.0

Per il quarto anno consecutivo Roberto Bolle si cala nell’Arena di Verona, unico seguace di Tersicore ad essere sopravvissuto alle faziose ire. E come ogni edizione lo fa con ineguagliabile eleganza e apollinea consapevolezza. Nessun italiano al suo fianco ma

Roberto Bolle virtuosismo 2.0

Per il quarto anno consecutivo Roberto Bolle si cala nell’Arena di Verona, unico seguace di Tersicore ad essere sopravvissuto alle faziose ire. E come ogni edizione lo fa con ineguagliabile eleganza e apollinea consapevolezza. Nessun italiano al suo fianco ma

Biennale Danza, capitolo primo pagina uno

First Chapter, nuovo capitolo per La Biennale di Venezia sezione Danza alla guida della neo-direttrice Marie Chouinard, e grande attesa per la cifra stilistica del prossimo quadriennio 2017-2010. Introduzione a cura del Leone d’oro alla carriera Lucinda Childs, pietra miliare

Biennale Danza, capitolo primo pagina uno

First Chapter, nuovo capitolo per La Biennale di Venezia sezione Danza alla guida della neo-direttrice Marie Chouinard, e grande attesa per la cifra stilistica del prossimo quadriennio 2017-2010. Introduzione a cura del Leone d’oro alla carriera Lucinda Childs, pietra miliare

Jean-Guillaume Bart, nuovo filosofo del balletto

«La gamma di colori della danza classica è infinita come l’accento che ogni tipo di passi deve avere». Intenzione pienamente riuscita quella di Jean-Guillaume Bart nel suo nuovo allestimento (febbraio 2017) de La Bella Addormentata per il Corpo di Ballo

Jean-Guillaume Bart, nuovo filosofo del balletto

«La gamma di colori della danza classica è infinita come l’accento che ogni tipo di passi deve avere». Intenzione pienamente riuscita quella di Jean-Guillaume Bart nel suo nuovo allestimento (febbraio 2017) de La Bella Addormentata per il Corpo di Ballo

Omaggio russo nella contemporaneità scaligera

Dopo tante polemiche sulla temuta perdita di classicità sono proprio i Ballets Russes a tracciare il reticolato storico della serata, La Valse / Symphony in C / Shéhérazade, recente trittico per il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano

Omaggio russo nella contemporaneità scaligera

Dopo tante polemiche sulla temuta perdita di classicità sono proprio i Ballets Russes a tracciare il reticolato storico della serata, La Valse / Symphony in C / Shéhérazade, recente trittico per il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano

Trittico, l’Opera di Roma sfida l’evoluzione contemporanea della danza

Trittico in evoluzione storica per provocare l’animo contemporaneo del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma. Robbins, Preljocaj, Ekman, tre nomi che si sostengono da soli, riuniti in una serata condita di ironia, sacralità e sorpresa. I lavori sono

Trittico, l’Opera di Roma sfida l’evoluzione contemporanea della danza

Trittico in evoluzione storica per provocare l’animo contemporaneo del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma. Robbins, Preljocaj, Ekman, tre nomi che si sostengono da soli, riuniti in una serata condita di ironia, sacralità e sorpresa. I lavori sono